SILEX VS MISSION CX – COMPARAZIONE

Pubblicato il 28/11/2018
La nostra gamma attuale comprende due modelli che, davanti ad un occhio poco attento, possono sembrare molto simili – si tratta della SILEX e della nuova MISSION CX. In fin dei conti sono entrambe delle bici off-road con il manubrio da corsa, le ruote da 700c e i freni a disco; inoltre entrambe hanno la variante telaio completamente in carbonio oppure in alluminio con la forcella in carbonio. 
Se guardiamo però meglio nel dettaglio, possiamo notare che queste due bici sono completamente diverse in quanto hanno finalità e punti di forza differenti l’una dall’altra.



La SILEX è una bici che può andare su ogni tipo di strada. Quando abbiamo creato questo modello, il nostro obiettivo principale era di offrire una bici che potesse andare quasi su qualsiasi terreno: strada, sentieri sterrati e gravel. Comfort, stabilità e versatilità erano dei fattori importantissimi quando abbiamo studiato le geometrie, come anche i diversi punti di attacco. Per ultimo ma non per importanza, la bici doveva offrire una tolleranza sufficiente per i copertoni in modo che il ciclista potesse scegliere la gomma più adatta alle sue esigenze. In Italia la SILEX è disponibile in 2 versioni full carbon (7000, 6000) e 3 in alluminio (600, 400, 300).

Geometrie:

La geometria della SILEX si ispira molto alla MTB, caratterizzata dal tubo orizzontale superiore e il cannotto sterzo molto lunghi che vengono controbilanciati dall’attacco manubrio più corto, ottenendo così una posizione di guida più alzata e rilassata e una sterzata più sicura. Perfetta per le situazioni in cui non si vuole avere la sensazione di andare oltre il manubrio o l’ideale per girare lungo le corsie.

Punti di attacco e versatilità:

La SILEX ha una vasta quantità di punti di attacco, permettendo al ciclista di aggiungere borse, borracce, parafanghi e porta pacchi, trasformandola da una confortevole bici da strada ad una perfetta compagna di viaggio super attrezzata. Le ruote possono essere sia da 700c che da 650B, permettendo così un maggior numero di terreni differenti o allenamenti specifici.



Dall’altro lato, abbiamo la nuova MISSION CX – una bici con un chiaro orientamento verso il lato competitivo del mondo del cyclocross. In comparazione con la precedente, la CYCLO CROSS, la nuova MISSION CX si caratterizza per la geometria più sportiva, che porta il ciclista ad assumere una posizione più “aggressiva”, ideale per gli amanti delle corse agonistiche. Inoltre, offre anche una buona tolleranza tra le ruote e il telaio, in modo che la ruota possa continuare a girare anche nelle condizioni più fangose; abbiamo migliorato anche la distanza ruota-pedali, molto utile nelle curve strette e nei sentieri più tortuosi. In Italia la MISSION CX è disponibile sia in carbonio (5000) che in alluminio (600).

Geometrie:

La MISSION CX ha una geometria sportiva, con un tubo sterzo corto e un tubo orizzontale lungo per una posizione di guida più bassa e distesa. La bici risulta inaspettatamente confortevole nonostante il comfort non fosse tra gli obiettivi principali della MISSION CX.

Ultimi standard inclusi:

La nostra nuova ciclo cross comprende tutti gli ultimi standard come gli attacchi a disco flat mount e i perni da 12 mm (anteriori e posteriori). Pur essendo una bici più orientata per lo sport e le competizioni, la MISSION CX offre comunque la possibilità di montare dei parafanghi, includendo un ponticello del fodero verticale posteriore removibile nella versione in carbonio. Questo ponticello può essere rimosso nel caso in cui non vengano montati i parafanghi, migliorando così ulteriormente la tolleranza col fango.


Come abbiamo detto fin dall’inizio, queste due bici sono a loro modo differenti offrendo qualcosa di simile. Entrambe sono veloci ed efficienti, quando si tratta di coprire terreno in qualsiasi condizione. Questo le rende entrambe delle fantastiche compagne di viaggio e di allenamento. La SILEX è forse più rilassante, mentre la MISSION CX mette il ciclista in una posizione più ribassata e tesa, ma sono entrambe estremamente valide nel comfort.

Ora tocca a te decidere quale di queste due off road con “manubri da corsa” sia più adatta alle tue esigenze. Di certo entrambe ti faranno fare un gran bel giro.

 

Merida Italy srl